Preside

Anna Maria Giovenale

Nata a Roma il 7 settembre 1959, è stata eletta Preside della Facoltà di Architettura il 15 dicembre 2014.
Architetto, PhD in Tecnologia dell’Architettura, professore ordinario presso la Facoltà di Architettura della Sapienza Università di Roma, settore scientifico disciplinare ICAR 12 Tecnologia dell’Architettura.

E’ docente di Tecnologia dei processi realizzativi.

E’ stata Vice Preside Vicario della Facoltà di Architettura. Presidente dell’Area Didattica Corso di Laurea in Gestione del Processo Edilizio - Project Management, Classe di Laurea L-23 Scienze e Tecniche dell’edilizia. Membro del Collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in Ingegneria dell'Architettura e Urbanistica per il curriculum Ingegneria Edile -  Architettura, Sapienza Università di Roma.

Membro del Comitato di Gestione del Centro Interuniversitario TESIS Sistemi e Tecnologie per le strutture sanitarie, Università degli Studi di Firenze, Sapienza Università di Roma.

Componente del Comitato scientifico della rivista Facility Management, rappresentante della Sapienza in seno ai comitati scientifici istituiti, rispettivamente, per l'attuazione delle Convenzioni stipulate tra Sapienza e Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna , e tra Sapienza e Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma e ACER Associazione Costruttori Edili di Roma e Provincia.

E’ stata membro esperto del Comitato Tecnico del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna.

E’ stata componente della Commissione Didattica di Ateneo della Sapienza Università di Roma e Presidente della Commissione Didattica della Facoltà di Architettura “Valle Giulia”.

E’ stata responsabile della sezione “Cultura tecnologica e gestione del progetto” del Dipartimento Industrialdesign Tecnologia dell’Architettura e Cultura dell’Ambiente ITACA (oggi Dipartimento PDTA) e componente della Commissione Ricerca dell’Ateneo Federato dello Spazio e della Società A.de.S.So. della Sapienza Università di Roma.

Membro della Società Italiana di Tecnologia dell’Architettura SITdA.

E’ stata coordinatore (in collaborazione) delle attività previste nell’ambito dell’Accordo Quadro e del Protocollo Esecutivo stipulati tra la Facoltà di Architettura “Valle Giulia” e la Facoltà FADU-UBA di Buenos Aires ed è responsabile scientifico (in collaborazione) per la Facoltà di Architettura della Sapienza dell’Accordo inerente il doppio titolo italo-argentino in Architettura.

E’ stata responsabile scientifico delle attività di Management e di Supporto alle funzioni dei Responsabili dei Procedimenti per gli interventi previsti dal Piano straordinario di edilizia della Sapienza Università di Roma. E’ stata componente della Commissione Programmazione della Facoltà di Architettura “Valle Giulia”, del Collegio dei docenti del Dottorato di Ricerca in “Riqualificazione e recupero insediativo”  e membro, in qualità di esperto, della Commissione nominata dal Ministero della Salute per la definizione della normativa sui “Requisiti minimi strutturali, tecnologici e organizzativi per le strutture sanitarie pubbliche e private”.

Autrice di numerose pubblicazioni, svolge attività scientifica sulle tematiche relative al controllo della qualità del progetto e dei processi edilizi, all’innovazione nelle procedure, con particolare attenzione all’elaborazione e all’applicazione di strumenti scientifico-operativi e di indirizzo, relativamente ai singoli stadi di progettazione e al rapporto tra fase di progettazione e fase realizzativa degli interventi edilizi.

Particolare interesse nell’attività scientifica è stato rivolto alle opere pubbliche complesse, con applicazione nel settore dell'edilizia sanitaria e sociosanitaria. Su questi temi, ha partecipato a numerose ricerche nazionali e internazionali, è stata responsabile e coordinatore di diverse ricerche PRIN e di attività conto terzi stipulate tra Università, Aziende Sanitarie Locali e altri Enti Pubblici. In questo ambito, ha collaborato, per istituzioni pubbliche, a diverse normative di indirizzo per la progettazione, elaborando linee guida e normative tecniche per la progettazione di strutture sanitarie e sociosanitarie, all'interno di specifici programmi di intervento nazionali e ha svolto attività di progettazione e di consulenza sulla fattibilità, il controllo di qualità e l’attuazione dei processi edilizi.